Nipozzano Vecchie viti Chianti Rufina Riserva docg Marchesi de Frescobaldi 2017


Bottiglia: 26 €

Bicchiere:

Denominazione: CHIANTI RUFINA RISERVA DOCG

Cantina: Marchesi de Frescobaldi

Annata: 2017

Vitigno: SANGIOVESE E ALTRI VITIGNI

Colore: Rosso

Alcool: 14%


Acidità: 

Affinamento:

Fruttato: 

Corpo: 

Dolcezza: 

Tannino: 

Punteggio: 

Caratteristiche speciali  Convenzionale

Abbinamento CarneCucina EtnicaPrimi di CarneSalumi e Formaggi


Nazione:  Italia

Regione:  TOSCANA

Zona:  CHIANTI

Volume:  75 CL


Descrizione

Il Chianti Rufina Riserva “Nipozzano Vecchie Viti” siglato dalla celebre cantina Frescobaldi porta avanti l’antica tradizione famigliare, imperniata sul riservare una sorta di “collezione privata” per ogni nuovo nato all’interno del ramo famigliare. Nasce dalle viti più vecchie del Castello di Nipozzano, in grado di esprimere un’ottima complessità aromatica e una ricchezza di frutto che trova conferma anche al palato, dove la trama tannica risulta finemente in equilibrio, inserendosi bene nell’eleganza generale dell’etichetta. Qualità e prezzo in una bottiglia con cui non si sbaglia mai. La Riserva “Nipozzano Vecchie Viti” firmata Frescobaldi è un Chianti Rufina che nasce da un taglio in cui, accanto al vitigno di riferimento, cioè il Sangiovese, troviamo anche piccole percentuali di Malvasia Nera, Colorino e Canaiolo. Le viti hanno circa 40 anni d’età, e crescono nei dintorni del Castello di Nipozzano, all’interno di una cornice paesaggistica a dir poco splendida. Il mosto che si ottiene dalla pressatura gentile degli acini fermenta in contenitori d’acciaio inossidabile, e il vino poi, per la parte di affinamento finale, viene trasferito in botti di rovere per un totale di 24 mesi. Al termine di questo periodo, la Riserva viene imbottigliata, e prima dell’immissione in commercio rimane a maturare in vetro per 3 mesi. Il Chianti “Nipozzano Vecchie Viti” Riserva Frescobaldi si presenta nel calice con un colore rosso rubino dotato di un buon impatto visivo. Il naso si apre su diverse note speziate, che si alternano durante lo sviluppo dell’analisi olfattiva con rimandi più fruttati. Concentrato il sorso, sicuramente d’impatto, da cui affiora una vena sapida dotata di ottima persistenza palatale. Un’etichetta che, annata dopo annata, si conferma sempre con punteggi interessati su alcune delle più rinomate riviste di settore.